ZURETTI Gianfranco

COD: 99f59c0842e8

Descrizione

Conscio dell’importanza e della delicatezza di una importante posizione difensiva avanzata, otteneva di recarvisi personalmente al primo cenno di un attacco nemico. Per cinque ore, in una tempesta di fuoco, fu presente ove più cruenta era la lotta e più grave la minaccia.
Fu anima eroica della difesa, cui partecipò personalmente con il fucile e le bombe a mano; ammirato da tutti i combattenti. Il piombo nemico ne stroncava la vita al momento stesso in cui altri battaglioni sferravano il decisivo contrattacco. Le ultime parole furono: "Non curatevi di me, avanti Ascari, forza cannoni". Fulgida figura di purissimo eroe.

Passo Mecan, 31 marzo 1936

Informazioni aggiuntive

grado

anno del fatto - medaglia

data del fatto - medaglia