TORELLI Adriano

COD: 01894d6f0484

Descrizione

Ufficiale superiore comandante di brigata con un lungo e brillante passato militare tutto dedicato alla Patria ed all’Esercito, incaricato dello sbloccamento di un battaglione in zona di alta montagna, ricca di insidie naturali, dominata da soverchianti ed agguerrite forze ribelli, conduceva a buon termine con rapidità e perizia eccezionali, la difficilissima operazione. In situazione critica, preveniva il nemico assumendo audacemente l’iniziativa tattica e durante una lunga serie di aspri combattimenti durati 14 ore, confermava ampiamente superiori doti di comandante e di combattente. Ferito ed abbattuto una prima ed una seconda volta da fucilate nemiche, si rialzava da solo respingendo energicamente gli accorsi. Abbattuto per la terza volta in meno di due ore da un’altra grave ferita, estenuato per la perdita di sangue, doveva infine accettare cure ed aiuti, continuando, anche durante la dolorosa medicazione, la sua azione di comando con perfetta calma. Medicato, dalla barella portata a spalla sotto il fuoco, continuava ancora a tenere il comando, guidando pacato e sereno i suoi ufficiali ed ascari, entusiasti per l’eroico contegno del capo nell’aspra lotta per oltre sette ore dopo l’ultima ferita, fino alla conclusione vittoriosa dei combattenti. In successivi sanguinosi fatti d’arme, riconsacrava le sue superbe doti. Ferito ancora una volta al petto da fucilata nemica, rimaneva al suo posto guidando i suoi valorosi ascari, da lui temprati alla religione del dovere e del sacrificio ed arsi da indomito ardore guerriero. Luminoso esempio dei più alti eroismi nelle più dure prove. Magnifica tempra di combattente, dotato delle più nobili virtù militari in terra d’Africa.

Faguttà – Dangila – Gondar, marzo 1940 -novembre 1941

Informazioni aggiuntive

grado

anno del fatto - medaglia

data del fatto - medaglia