REGAZZO Giuseppe

COD: d305281faf94

Descrizione

Chiesto ed ottenuto di assumere il comando di un reparto nella imminenza di operazioni di guerra, si offriva volontariamente di stabilire il collegamento con un reparto, di cui non si aveva notizia e, per quanto fosse notte e violenta l’azione delle artiglierie avversarie, riusciva nel generoso intento. All’alba rientrato nelle nostre linee dopo aver assolto il difficile compito, mentre apprestava i lavori di difesa di un importante posizione assegnatagli, veniva fatto segno ad un attacco da parte di una forte colonna moto-corazzata avversaria che muoveva velocemente, minacciando di travolgere e sommergere il nostro schieramento avvolgendolo di fianco. Incurante della sproporzione del numero e dei mezzi avversari, sprezzante del pericolo, allo scoperto, si prodigava nella difesa, dirigendo il preciso fuoco delle armi automatiche e sostituendosi ai capi-arma tiratori per meglio colpire il nemico. Ferito in più parti del corpo da raffiche di mitragliatrice non desisteva dalla lotta animando, con il suo atteggiamento, una leonina efficace resistenza. Colpito a morte, al sergente che accorreva a sorreggerlo consegnava la pistola ed il binocolo per indicare che, lo sostituiva nel comando ed ordinava “siamo bersaglieri, resistete” proprio mentre il nemico, dominato e battuto, ripiegava senza speranza di porre piede sul posto reso sacro dall’eroico luminoso sacrificio.

Sidi Rezegh, 25 – 26 novembre 1941

Informazioni aggiuntive

grado

anno del fatto - medaglia

data del fatto - medaglia