PERTINI Alessandro

COD: b29eed442761

Descrizione

"Animatore instancabile della lotta per la libertà d’Italia, dopo 15 anni trascorsi tra carcere e confino, l’8 settembre 1943 si poneva alla testa dei suoi ardimentosi civili che a fianco con i soldati dell’esercito regolare contrastarono tenacemente l’ingresso alle truppe tedesche nella Capitale. Membro della giunta militare del C.L.N. centrale, creava una delle maggiri formazioni partigiane operanti sul piano nazionale. Arrestato e individuato quale capo dell’organizzazione militare clandestina, sottoposto a duri ed estenuanti interrogatori ed a violenze fisiche con il suo fiero ed ostinato silenzio riusciva a mantenere il segreto. Il 25 gennaio 1944, riacquistava la libertà con una fuga leggendaria dal carcere, riassumeva il suo posto di comando spostandosi continuamente in missione di estremo pericolo nelle regioni dell’Italia Centrale., dove più infieriva la lotta alla quale partecipava personalmente. Nel maggio 1944 si recava in Lombardia per portarvi il suo contributo prezioso ed insostituibile di animatore e combattente, potenziando le Brigate che in ogni regione dell’Italia occupata , sotto la sua guida, divennero un formidabile strumento di lotta contro l’invasore. Di là, a fine luglio 1944, si portava in Firenze dove, alla testa dei partigiani locali, partecipava all’insurrezione vittoriosa. Rientrato in Roma liberata chiedeva di essere inviato nell’Italia occupata e dalla Francia effettuava il passaggio del Monte Bianco. Nella Val d’Aosta (Cogne), soggetta ad un feroce rastrellamento, si univa alle formazioni partigiane distinguendosi in combattimento. Raggiunta Milano riprendeva il suo posto nei maggiori organi direttivi della resistenza. L’insurrezione del Nord lo aveva, quale membro del Comitato insurrezionale, tra i maggiori protagonisti nelle premesse organizzative e nell’urto militare decisivo. Uomo di tempra eccezionale, sempre presente in ogni parte d’Italia ove si impugnassero le armi contro l’invasore. La sua opera di combattente audacissimo della resistenza gli assegnava uno dei posti più alti e lo rende meritevole della gratitudine nazionale nella schiera dei protagonisti del secondo Risorgimento d’Italia. – Roma – Firenze – Milano, 8 settembre 1943 – 25 aprile 1945".

Informazioni aggiuntive

grado

anno del fatto - medaglia

data del fatto - medaglia