GREGORIG Renato

COD: df0aab058ce1

Descrizione

Comandante di plotone esploratori di una colonna operante, attaccata da soverchianti forze ribelli, contrattaccava arditamente infliggendo al nemico gravi perdite e stroncandone un tentativo di aggiramento. Dopo più ore di aspra lotta, snidava l’avversario dai ruderi di una casa che occupava e sistemava immediatamente a difesa. Due volte ferito, rifiutava qualsiasi soccorso, continuando a combattere con estrema decisione; esempio ed incitamento ai legionari già duramente provati. Circondato, resisteva per quattordici ore nella impari lotta, rispondendo col fuoco alle ripetute intimazioni di resa del nemico che assaliva le posizioni con rinnovato accanimento, seminando la morte tra le file dell’eroico manipolo. Raggiunto il limite di ogni possibilità di resistenza, venute a mancare le munizioni, incitava i pochi superstiti a morire piuttosto che arrendersi. Al grido di "Viva l’Italia" li guidava al contrattacco all’arma bianca, tentando di spezzare l’accerchiamento. Ferito ancora e mortalmente, raccoglieva in supremo sforzo le ultime energie, ordinando ai quattro superstiti di non curarsi di lui ma di continuare nella lotta. – Homoljanscki-Klanac (Balcania), 1-2 gennaio 1942.

Informazioni aggiuntive

grado

anno del fatto - medaglia

data del fatto - medaglia