BONAVITACOLA Filippo

COD: e56954b4f634

Descrizione

Sorpreso dall’armistizio dell’8 settembre 1943 in territorio albanese, si univa ai partigiani nella lotta contro i tedeschi. Catturato e condotto in campo di concentramento tedesco, ne evadeva unendosi ai partigiani russi e slovacchi per continuare l’impari lotta. Nuovamente catturato, conscio della propria fine, mantenne durante il processo e la lettura della condanna a morte fierissimo contegno rincuorando i compagni di prigionia, inneggiando al Re e all’Italia. Al momento dell’esecuzione assestava un forte pugno al capitano tedesco che gli si era avvicinato per bendarlo e, scoprendosi il petto, gridava: "Sparate pure, non temo la morte". Fulgido esempio di alte virtù militari e di fierezza nazionale. – Branova (Slovacchia), 8 dicembre 1944.

Informazioni aggiuntive

grado

anno del fatto - medaglia

data del fatto - medaglia