BANZOLA Eugenio

COD: 7f6ffaa6bb0b

Descrizione

Partigiano combattente, dopo aver per lungo tempo collaborato con il movimento di resistenza della provincia di Parma, si arruolava nella Brigata “Pablo”. Nel corso di un violento scontro sostenuto da pochi partigiani contro forze nemiche consistente in centinaia di uomini, dopo essersi lanciato coraggiosamente per ben due volte al contrassalto, veniva gravemente ferito alle gambe da una raffica di arma automatica. Immobilizzato, continuava a combattere finché, esaurite le munizioni e scagliate sull’avversario le sue ultime bombe a mano, veniva sopraffatto e catturato. Veniva interrogato per un’intera notte, nel corso della quale allo strazio delle ferite, l’avversario inferocito, per strappargli nomi di compagni e notizie sulle formazioni partigiane, aggiungeva i1 martirio di altre orrende sevizie. Irrigidito in uno stoico ostinato silenzio, affrontava serenamente la tortura e la morte pur di non tradire. L’immagine del suo corpo denudato, legato, brutalmente evirato e stroncato dall’ultima rabbiosa raffica rimase ad indicare vergogna per gli aguzzini traditori ed un riferimento di luce sulla via per l’affermazione dei supremi valori della libertà.

Felino (Parma), 14 marzo 1945 (D.P. 6 luglio 1976)

Informazioni aggiuntive

grado

anno del fatto - medaglia

data del fatto - medaglia